60 app malware in Google Play, la scoperta di Dr.Web

Gli esperti di Dr.Web hanno scoperto la presenza, sullo store ufficiale di Android – Google Play -, di più di 60 applicazioni malevole.
Si tratta essenzialmente di videogiochi che, una volta installati, possono trasformare il dispositivo mobile in una facile preda per gli aggressori remoti.
Come spiega Dr.Web, i videogiochi Android sono stati realizzati e caricati sul Play Store di Google da una trentina di produttori tra cui Conexagon Studio, Fun Color Games, BILLAPPS ed altri ancora.

Leggi l’articolo

Vulnerabilità nel kernel Linux, a rischio anche Android

I ricercatori di Perception Point hanno scoperto una pericolosa vulnerabilità nel kernel Linux rimasta irrisolta addirittura dall’inizio del 2013.
Sebbene non sia sfruttabile in modalità remota, la lacuna di sicurezza potrebbe essere sfruttata soprattutto sui dispositivi Android da parte di applicazioni malevole.
Gli esperti di Perception Point, infatti, spiegano che la falla presente nel kernel Linux può consentire l’acquisizione dei privilegi root ad un utente che abbia effettuato il login sul sistema o ad un’applicazione in esecuzione.

Leggi l’articolo

A gennaio abbandonate Internet Explorer 10 e precedenti

A partire dal 12 gennaio 2016, Microsoft supporterà unicamente Internet Explorer 11 (oltre che anche Edge in Windows 10) ed abbandonerà definitivamente tutte le precedenti versioni del browser, su qualunque sistema operativo.
Microsoft vuol dare un taglio netto al passato: le versioni di Internet Explorer più vecchie non permettono di fidare su un’esperienza d’uso all’altezza della situazione e, a partire da gennaio, non saranno più rilasciati nuovi aggiornamenti di sicurezza.
Come spiegato in un precedene articolo, coloro che utilizzano versioni di Internet Explorer antecedenti la 11, vedranno apparire un messaggio di notifica.

Leggi l’articolo

Aggiornamento per Windows 10 non arriva, ecco perché

Microsoft sta distribuendo il primo importante aggiornamento per Windows 10 un poco alla volta ai suoi utenti. Chi ha già installato l’ultima versione del sistema operativo (ad esempio aggiornando da Windows 7 o Windows 8.1) riceverà Windows 10 versione 1511 (build 10586) attraverso Windows Update.
Alcuni utenti di Windows 10 hanno tuttavia ripetutamente segnalato l’impossibilità di installare l’aggiornamento perché non appare disponibile in Windows Update.
Quando l’aggiornamento di Windows 10 non arriva.

Leggi l’articolo

Chrome: fine del supporto in Windows XP e Mac OS X

Google aveva assicurato che il suo browser Chrome avrebbe supportato Windows XP almeno sino a fine 2015.
Adesso il colosso di Mountain View ha fissato la data in cui verrà definitivamente ritirato Chrome non solo su Windows XP ma anche su Windows Vista, Mac OS X 10.6, 10.7 e 10.8: aprile 2016.
Windows XP, lo ricordiamo, è stato abbandonato da Microsoft già ad aprile 2014 e nonostante esistano metodi non ufficiali per continuare ad aggiornare il sistema operativo il passaggio ad una versione di Windows più recente o ad un’altra piattaforma è caldamente consigliato: Windows XP dopo aprile 2014: come mettere in sicurezza il sistema operativo.

Leggi l’articolo

Tutte le novità di iOS 9 rilasciato in versione finale

Apple ha rilasciato la versione definitiva di iOS 9. Il nuovo sistema operativo è disponibile per tutti i dispositivi della Mela capaci di installare ed eseguire iOS 8. Ciò significa che iOS 9 può essere installato anche sugli iPhone 4S e sull’iPad 2.
Rispetto al mastodontico aggiornamento da iOS 7 a iOS 8 che richiese il download di circa 4,5 GB di dati, l’update ad iOS 9 implica lo scaricamento di 1,1-1,3 GB a seconda del dispositivo.
Interfaccia ed impostazioni
La prima modifica che balza subito all’occhio in iOS 9 è l’adozione di un nuovo font di carattere, chiamato San Francisco. Lo stesso carattere viene utilizzato anche in Mac OS X El Capitan.
Il font San Francisco contribuisce a rendere il look di iOS più moderno ed in linea con il carattere Roboto utilizzato ad esempio da Google in Android.

Leggi l’articolo

Ransomware blocca i device Android con un nuovo PIN

Un nuovo ransomware prova a minacciare gli utenti di Android. Come accade da tempo sui sistemi Windows (Cryptolocker e altri ransomware: come decodificare i file) ed, in misura minore, sulla piattaforma Mac OS X, anche Android entra sempre più nel mirino degli sviluppatori malware.
Diffuso come un falso contenuto per adulti (utilizza l’appellativo Porn Droid), il ransomware è stato recentemente scoperto dai tecnici di ESET che ne hanno pubblicato oggi una dettagliata analisi.

Leggi l’articolo

Google aggiorna Chrome, ora consumerà meno batteria

Il principale problema del browser di Mountain View finora è il consumo: sui computer portatili ha avuto sempre un forte impatto sull’autonomia. Ma con la nuova versione qualcosa cambierà
Ci siamo quasi: presto Chrome potrebbe smettere di risucchiare come un vampiro la batteria dei nostri laptop. Un passo avanti è stato fatto con l’aggiornamento appena rilasciato dal team di Google, che con una serie di migliorie e accorgimenti promette di allungare la vita dei nostri dispositivi portatili.

Leggi l’articolo

Kaspersky scopre la “termite blu” che sta preoccupando il Giappone

L’ultima minaccia rilevata dagli esperti del vendor si chiama “Blue Termite”: un gruppo di cybercriminali sta tempestando da due anni i sistemi di diverse organizzazioni nipponiche utilizzando tecniche di spear-phishing in continua evoluzione. I pirati informatici stanno sfruttando anche gli exploit zero-day in Flash già impiegati dall’azienda italiana Hacking Team.

Leggi l’articolo

Firefox rivoluziona le sue estensioni e guarda a Chrome

Aria di novità per gli sviluppatori di estensioni destinate al browser Firefox. Mozilla ha infatti anticipato che le API di Firefox attualmente utilizzate per lo sviluppo delle estensioni saranno presto sostituite da una nuova piattaforma chiamata WebExtensions, molto simile a quella utilizzata da Google nel caso di Chrome.
La modifica sarebbe strettamente legata all’arrivo di Electrolysis, la nuova funzionalità – peraltro attesa da anni – che consentirà di separare tutte le schede aperte in Firefox in un processo a sé stante, incapace di interagire con le altre componenti del browser grazie ad un apposito meccanismo di sandboxing.

Leggi l’articolo

Google svela il nome di Android M: il nuovo sistema operativo sarà Marshmallow

Rinnovando la tradizione di dare un nome di dolciumi ai suoi sistemi operativi, Google svela il nome completo della prossima versione di Android: la M che finora indicava il software sta per Marshmallow, i tipici dolci di zucchero statunitensi. Sarà la versione 6.0 del robottino verde e arriverà questo autunno con diverse novità, in primis il sistema per i pagamenti mobile Android Pay e un migliore assistente online.

Leggi l’articolo

Mozilla critica Windows 10, scelta del browser complicata

Mozilla ha suonato il campanello d’allarme e ha chiesto a Microsoft di rivedere le modalità con cui in Windows 10 gli utenti possono impostare il browser web predefinito. Si profila all’orizzonte una nuova vertenza come quelle che, negli anni scorsi, hanno visto Microsoft costretta a realizzare versioni di Windows prive di Media Player (le release “N”) od obbligata ad inserire il cosiddetto “ballot screen”, la schermata per la scelta del browser?
Dallo scorso dicembre, Microsoft non è più tenuta a visualizzare il “ballot screen” suoi suoi sistemi operativi (Finisce l’era della finestra per la scelta del browser) ma se Mozilla s’impuntasse e presentasse una rimostranza dinanzi alla Commissione Europea potrebbero aprirsi nuove indagini a carico del colosso di Redmond.

Leggi l’articolo